01 - Programmazione01d - Rational RDi e altri Tools

CONTROLLARE L’ACCESSO AI MEMBRI ORIGINE DA RDi

In generale i programmatori RPG e COBOL non sono abituati a lavorare sotto il controllo di un software ALM (Application Lifecycle Management) o di gestione delle versioni. In passato ho avuto la fortuna di usare uno di questi prodotti (era Turnover della Softlanding) e devo dire che adesso che non lo uso più ne sento la mancanza. Qualunque sia il motivo di questa non scelta – soldi, pigrizia o semplice ignoranza – tutti i programmatori RPG e COBOL che lavorano in un team hanno il problema della allocazione di un membro origine per evitare che più persone lavorino sullo stesso membro origine pestandosi i piedi. Molti si sono arrangiati creando in casa un semplice comando di check-out e modificando il comando STRSEU per impedire l’accesso al membro origine al secondo programmatore. Ma come ottenere lo stesso risultato da RDi? Anni fa, con una RFE, chiesi a IBM l’aggiunta di qualche ‘exit point’ da usare per crearsi in casa un semplice ALM, ma naturalmente IBM declinò. Continuai ad indagare e finalmente arrivai a scoprire che la comunicazione tra RDi e IBM i è il classico DDM (distributed data management), quindi passa attraverso il programma specificato nel parametro DDMACC (Accesso richiesta DDM/DRDA) degli attributi di rete, che può essere impostato con il seguente comando:

CHGNETA DDMACC(libreria/programma)

Le modifiche a questo parametro hanno effetto immediato e si riferiscono alle applicazioni DDM e DRDA. I lavori attualmente in esecuzione sul sistema non usano il nuovo valore, perché si accede al valore DDMACC solo quando un lavoro viene avviato per la prima volta, quindi occorre disconnettere e riconnettere RDi dal server IBM i. È chiaro che una soluzione di questo tipo può essere presa in considerazione solo se lo sviluppo avviene su un server dedicato e non su quello di produzione.

Il programma riceve un parametro con un po’ di informazioni – tra cui profilo utente, libreria, file sorgente, membro origine e tipo di richiesta – e restituisce un flag che può assumere due valori: *ON = richiesta accettata; *OFF = richiesta respinta.

Di seguito trovate un esempio di programma DDMACC:

     ***************************************************************************
     **
     ** Accesso richiesta DDM/DRDA (DDMACC) comando CHGNETA.
     **
     ***************************************************************************

     H DFTACTGRP(*NO) ACTGRP(*CALLER) BNDDIR('QC2LE')

     ***************************************************************************
     **
     ** Campi
     **
     ***************************************************************************

     DreturnCode       S              1A
     Desito            S              1A
     DmembroEditabile  S               N

     ***************************************************************************
     **
     ** Strutture dati
     **
     ***************************************************************************

     DddmRequest       DS                  QUALIFIED
     D input                          1A
     D output                         1A
     D update                         1A
     D delete                         1A
     Dvalues           DS                  QUALIFIED
     D user                          10A
     D application                   10A
     D subApplication                10A
     D objectName                    10A
     D objectLibrary                 10A
     D member                        10A
     D format                        10A
     D length                         5S 0
     D sourceRemoteLocation...
     D                               10A
     D sourceSystemName...
     D                               10A
     D other                       2000A

     ***************************************************************************
     **
     ** Costanti
     **
     ***************************************************************************

     DREQUEST_ACCEPTED...
     D                 C                   *ON
     DREQUEST_REJECTED...
     D                 C                   *OFF

     ***************************************************************************
     **
     ** Parametri
     **
     ***************************************************************************
     C     *ENTRY        PLIST
     C                   PARM                    returnCode
     C                   PARM                    values

     ***************************************************************************
     **
     ** Main
     **
     ***************************************************************************

       *INLR = *ON;
       returnCode = REQUEST_ACCEPTED;

       IF values.application <> '*DDM' OR values.subApplication <> 'OPEN';
         RETURN; // La richiesta non mi interessa: richiesta accettata.
       ENDIF;

       IF values.member >= 'RSE0000000' AND values.member <= 'RSE9999999';
         RETURN; // Membri di lavoro creati da RDi.
       ENDIF;

       ddmRequest = values.other;

       IF ddmRequest.input = *ON;
         RETURN; // E' una richiesta di sola lettura: richiesta accettata.
       ENDIF;

       // Inserire qui il controllo del check-out del membro origine.
       // Per esempio, controllare che il membro origine sia nella libreria di sviluppo.

       IF values.objectLibrary = 'SVILUPPO'; 
         RETURN; // Richiesta accettata.
       ENDIF;

       // Se arrivo qui la richiesta è da respingere.

       returnCode = REQUEST_REJECTED;

In caso di richiesta respinta in RDi appare questo messaggio un po’ criptico, quindi consiglio di avvisare l’utente anche con una email:

Related Posts
HAI LETTO IL MANUALE ?

È la domanda che faccio sempre ai miei colleghi programmatori quando mi chiedono qualcosa: "Hai letto il manuale?". Lo sappiamo, Read more

SQL and DB2 for i – FAQ & Howtos – (Parte 4 IT)

Eccoci alla quarta parte di questo "FAQ & Howtos" per SQL e DB2 for i ... le precedenti 3 "puntate" Read more

SQL and DB2 for i – FAQ & Howtos – (Parte 3 IT)

iDB2-FAQ-021 – Stored Procedure e Linked Server da MS SQL Server a DB2 for i From Microsoft MS SQL Server Read more

Gestione del Sistema IBM i: FAQ & Howto (Parte 4) IT

Questa è la terza parte della raccolta di FAQ & Howto sulla gestione del sistema IBM i : puoi vedere Read more

About author

Dal 1989 sviluppo applicazioni gestionali per IBM i.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: